Roma Pineto parkrun #115: sabato 23 ottobre. Piove e spuntano turisti e gente veloce. The rain draws out tourists and fast people from all directions.

Sabato al nostro risveglio abbiamo trovato una pioggia leggera e un cielo minaccioso.

Quindi non ci ha stupito trovare nella zona di partenza solo quelli più assidui e un ragazzo nuovo, curioso di provare il nostro percorso.  Dopo la solita domanda sul codice a barre ecc abbiamo scoperto che aveva già sperimentato parkrun a Caffarella quel fatidico giorno del 29 Febbraio 2020.

Il ragazzo si informava sulle deviazioni del percorso e il nostro ED Salvatore ha per sua fortuna evitato un’indegna figura non rispondendogli “va beh ma puoi seguire i primi”… A breve scopriremo perché.

Il cielo minaccioso sembrava dover sconsigliare i più a venire a parkrun. In passato le giornate piovose erano caratterizzate da una maggioranza di turisti, ma adesso…

E invece no, con grande sorpresa sabato scorso abbiamo registrato una piccola ondata di turisti facilmente riconoscibili dalla maglia parkrun albicocca portata con orgoglio con il nome del loro parkrun.

Forse non come ai tempi pre Covid, ma sabato scorso si sono presentati in 15 da tutte le parti del mondo: da Canada (Becky Maybury, l’ED di Richmond Olympic), Danimarca, Inghilterra (da dove Lisa Henzl di Chippenham, Wiltshire, felice e sorpresa di essere prima donna), Irlanda, Scozia e USA (Emma Impavido, inglese che corre a Fletcher’s Cove, Washington).

Anche questo è un segno di un ritorno alla normalità che ci fa ben sperare, speriamo presto di poter tornare anche ai consueti “banchetti” e “brindisi” post parkrun!

51622008715_48e076e963_k

Oltre i 15 turisti, siamo stati stupiti dalla discreta partecipazione locale nonostante il tempo non perfetto, anche con ritorni inattesi.

Addirittura Andrea Franciosi si è presentato a Pineto, nonostante avesse dormito circa 3 ore e sarebbe dovuto andare a Treviso parkrun in anticipo della sua maratona di Venezia il giorno dopo…un tipo veramente tosto. Complimenti poi per la sua decima maratona portata a casa.

51621813469_dba1f5c0ff_k

Alla fine la pioggia si è fermata e il terreno è rimasto percorribile ma comunque morbido e un po’ pesante, un fatto che è stato riflesso dai risultati dei nostri regulars. Infatti solo il nostro Gallese Peter Oldfield, Regina Vara (che ha letteralmente volota dopo la sua prima mezza con i suoi genitori presenti per fare il tifo) e Eleanora Zuffi (che ha fatto un ottimo tempo insieme a mamma e new entry Francesca Cortese) hanno registrato nuovi PB.

248369381_1996971640484252_5037224211840568639_n

Ma il tempo più straordinario l’ha fatto segnare proprio il ragazzo di cui parlavamo in apertura, Lorenzo Rieti nonostante il terreno a tratti fangoso è sceso sotto i 17’ e con 16.51 si è unito alla ristretta lista dei sub17 che ora arriva a 5 elementi.

51622014960_4acf026ae4_k

Tutto questo proprio sotto gli occhi sornioni di Mark Ridger, l’attuale detentore del record, che ci ha fatto davvero piacere e riabbracciare (seppur virtualmente e a distanza) dopo tanto tempo. Mark ora è impegnato anche nella nuova vita da papà, ma siamo sicuri che appena tornato in forma tenterà di abbassare il suo record.

248194191_1996969423817807_7759204103115510556_n

Tentativo che Luigi De Luca ha mancato davvero di poco (soli 5 secondi dal suo miglior tempo) che, considerato il terreno e lo sforzo iniziale forse eccessivo per rimanere vicino a Lorenzo, siamo sicuri presto porterà a compimento.

51621995640_339572f17b_k

Infine oltre ai già nominati, abbiamo dato il benvenuto a Salvatore Sciuto, Enrico Maria Raoul Anzilotti (che ha chiacchierato con tutti) e John Flynn (New Entry inglese che vive qua a Roma). Tornate presto!

Mentre aspettiamo con grande pazienza le nostre maglie da volontario (alcune disperse alla frontiera), notiamo che alcuni si stanno avvicinando al traguardo di 50: a Gabriele Fiorani mancano solo due eventi e Daniele Del Prete.. che spesso arriva a sorpresa, allora ci teniamo sempre pronti.

51622005170_b35cc92ea3_k

A proposito di volontari, non possiamo mai ringraziarli abbastanza, anche chi aiuta dopo la corsa come Simone Magnani che è stato fondamentale nella sistemazione dei token!

O chi ha chiuso allegramente e elegantemente la coda (come notato dalla pagina Walking at Parkrun https://www.facebook.com/walkingatparkrun/posts/1581975408820931) come Donatella Torre che ringraziamo anche per le belle parole spese su Storie Correnti https://storiecorrenti.com/parkrun-sabato/ !

247275817_1996973373817412_9172707736319493812_n A sabato, mascherati (anche da runner) se volete!

 

Roma Pineto parkrun #114: sabato 16 ottobre. La tempesta prima della tempesta. The storm before the storm.

Immaginavamo che quella di sabato potesse essere una giornata “tranquilla” in vista delle diverse mezze maratone che si sarebbero corse il giorno dopo e invece è stato quasi l’opposto.

La mattina presto, nel preparare il percorso, siamo stati accolti da un branco di cinghiali socievoli e pacifici (a differenza di alcuni cani che poi hanno creato un po’ di intralcio durante la corsa) a tal punto che pensavamo volessero partecipare anche loro. Ma sarà stato perché sprovvisti di barcode, per il fisico più da mezzofondisti veloci o semplicemente perché non amano la confusione, sono spariti nel bosco ben prima della partenza.

...................................

We imagined that Saturday would probably be a relatively “tranquil” and easy affair, considering the various Half Marathons that many were involved in the following day. We were mistaken.

Early on, while preparing the course, we were greeted by a very sociable and peaceful herd of wild boars (in contrast with some of the visiting dogs and owners, who created the occasional obstacle during the event). We wondered if perhaps they were intending to take part. However, perhaps having completely forgotten their barcodes, their physique more suited to a middle distance runner or simply because they don’t enjoy too much commotion, they wandered off into the woods before the start.

51595030708_3e696ac55a_k

Al contrario di molti dei nostri che hanno preferito riposare prima della gara (li ringraziamo però di essere stati lo stesso presenti come volontari, senza di loro parkrun non potrebbe esistere) alla partenza abbiamo registrato ben 60 parkrunner, aiutati da un folto gruppo di turisti stranieri ha deciso di sciogliere le gambe al Pineto prima della Roma Ostia del giorno dopo. Tra di loro Inglesi, compresi un gruppo in vacanza dalla fantastica squadra Londinese “London Frontrunners”, 2 Irlandesi (Hi Dominic and Marie di Lough Key, Roscommon) e 4 da Poznań parkrun in Polonia (Anita Monika e Viktor Tomasz per la seconda volta da noi). Seppur tutti questi ospiti, Il veterano del giorno è rimasto come spesso, Bob Harlow, il nostro Australiano adottato.

......................

Despite many of our runners having decided to rest up before Sunday’s efforts (we must thank some of of them for being present as volunteers, without them parkrun would not exist) we recorded a total of 60 parkrunners, boosted by a large group of foreign tourists, some of whom had decided to loosen up their legs at Pineto before the famous Roma-Ostia the following day. Among them we had English runners, including a group from the fantastic “London Frontrunners” team, 2 Irish runners (Hi Dominic and Marie di Lough Key, Roscommon) and 4 from Poznań parkrun in Poland (Anita Monika and Viktor Tomasz back with us for the second time). Even with all these guests, the veteran of the day remained, as is often the case, Bob Harlow, or adopted Australian.

51595735930_578ad079a1_k

Come anticipato, la calma è stata solo apparente è al contrario si sono registrati i risultati più veloci da molto tempo a questa parte.

A cominciare dal più veloce, Anthony SCARINCI, un forte atleta abruzzese che è riuscito a entrare con 16e53 nella strettissima cerchia dei sub 17 al Pineto. Anthony capita spesso a roma e chissà che non voglia tentare di battere il record di Mark Ridger fermo a 16e37… A proposito, Mark si sta di nuovo allenando e chissà di non assistere a una sfida tra i due in futuro.

.........................

As previously mentioned, the sense of calm was simply an illusion as we finished up with some of the fastest times we have seen lately around these parts. 

Starting with the first to romp home, Anthony Scarinci, a talented athlete from Abruzzo  who, with 16:53, managed to enter into the exclusive circle of sub 17 runners at Pineto. Anthony often finds himself in Rome so perhaps he could make an attempt on Mark Ridger's course record, which stands at 16:37... Talking of Mark, he's back training well so maybe we could have a duel on the cards. 

51594828941_7377bbe6b8_k

Dietro di lui staccati, ma solo perché il primo è stato velocissimo, sono arrivati l’inglese Alex Turner e Lorenzo Freschi che si migliora a distanza di una sola settimana.

.......................

A little way behind Anthony, simply because he was that fast, we find the Englishman Alex Turner who helped our Lorenzo Freschi to yet another improvement, only one week since the last. 

51595509054_7dac20be90_k

Come una settimana fa, sono poi arrivati insieme il giovane Harry Tongue e Gabriele Fiorani, che dopo essere scesi sotto i 20 minuti si avvicinano sempre più ai 19 netti.

.....................

Similarly to last week, young Harry Tongue and Gabriele Fiorani finished together, and after having dipped under 20 minutes for the first time they are now edging closer to the 19 minute mark.

51595738445_1502bd0a0a_kAnche la prima delle donne, Giuseppina Sorrenti, trascinata dal “furore” dei primi ha registrato un tempo vicinissimo a quelli che registrava 2 anni fa, segnando il secondo miglior rapporto tempo/età mai registrato finora al Pineto.

................................

Even our first woman, Giuseppina Sorrenti, encouraged by the frenzy at the front of the pack, set a time very close to her best from 2 years ago, which also stands out as the second best age graded time ever registered at Pineto. 

51595497684_25a90a4f77_k

Oltre I 3 PB strepitosi già menzionati, abbiamo assistito a nuovi personali a Pineto per Federico Comito, Alessio Lunadei, Fabio Ticconi, Valerio Antimi, Luigi Cipollini, Daniele Cortese, Thi Kim Thu Zervos, Beatrice Tonini, Sarino Prizzi, Mauro Dellerba, Edwige Nania, Paolo Palmaccio e Edith Rosario Ventosilla Shaw! BRAVISSIMI TUTTI!

..........................

In addition to the 3 incredible PB that we have already mentioned, we witnessed a number of improvements this week at Pineto. In order of arrival: Federico Comito, Alessio Lunadei, Fabio Ticconi, Valerio Antimi, Luigi Cipollini, Daniele Cortese, Thi Kim Thu Zervos, Beatrice Tonini, Sarino Prizzi, Mauro Dellerba, Edwige Nania, Paolo Palmaccio and Edith Rosario Ventosilla Shaw! WELL DONE TEAM PINETO!

51595521359_2c18079ab0_k

Ma per fare un PB ovviamente uno deve avere il coraggio di cominciare. Ci fa sempre piacere accogliere nuovi parkrunners: benvenuti Sandro Felicissimo, Antonello Catini, padre e figlio Giuseppe e Alessio Meffe e Christian Scala

......................

However, in order to set a PB, obviously you have to find the courage to start. We love seeing new faces at Pineto. A big welcome to Sandro Felicissimo, Antonello Catini, father and son Giuseppe and Alessio Meffe and Christian Scala.

51595084893_78c7b4acdb_k

A parkrun si può corre in vari modi, c’è chi ricerca il tempo migliore, chi lo usa per un allenamento intenso, chi corre tranquillamente chiacchierando con amici, ma si può anche semplicemente camminare: è ciò che ha fatto Regina Vara che ha deciso di camminare tranquillamente insieme a Salvatore e Gabriele Cavallo che facendo la coda, finalmente arriva nel club 25 volontario! Complimenti Gabri.

E complimenti a Regina che il giorno dopo, insieme a un folto gruppo della scuola St. George’s (tra cui i nostri amici David Tongue, il padre di Harry, David Brookes che sabato si è prestato come marshal) ha completato la sua prima mezza maratona.

.............................

parkrun can be enjoyed in so many different ways: There are those who wish to better their time, those who want a short and intense workout, those who want to chat with friends during an easy run OR you can simply walk your 5km, which is what Regina Vara decided to do on Saturday. She was kept company by Salvatore and tailwalker Gabriele Cavallo, who has finally reached the 25 Volunteer club! Well done Gabs. 

And WELL DONE also to Regina, who lined up the next day for her first Half Marathon, together with a very large group from St George's School (including our friends David Tongue, Harry's Dad, and David Brookes, also his first Half,  who took on the role of marshal on Saturday). 

2Wzlp_nKUbkFlvmGIqwisap-L8Z0fL27pqTmAe5jFcY-2048x1152

Ma soprattutto, tra tempi superveloci, record personali, chi semplicemente accumula record di presenze, chi cammina e chi preferisce fare il volontario, la presenza del nostro caro Luciano Giovannini a Pineto sabato ci ricorda che la cosa più importante è non mollare mai.

Forza Luciano e grazie di queste foto!

..............................

Above all, between superfast times, PBs, those who are collecting numbers for their profile, those who wish to walk and those who prefer to volunteer, the presence of our dear Luciano Giovannini at Pineto on Saturday reminded us that the most important thing of all is to NEVER give up! 

Forza Luciano and thanks for these lovely photos! 

247087658_234043925376956_660676004763642777_n 247740885_234044302043585_3901687663662221764_n 247068268_234043775376971_6517584568315397447_n

 

Roma Pineto parkrun #113: sabato 9 ottobre. Una pioggia di PB. It’s raining PBs

Come quando Goku in dragonball si levò i vestiti appesantiti e iniziò letteralmente a volare, così i nostri habitué che hanno sopportato le difficoltà del caldo estivo, non appena le temperature si sono abbassate, hanno volato sui sentieri del Pineto.

Letteralmente una pioggia di PB favorita, oltre che dal clima, dal nuovo percorso inaugurato qualche settimana fa con la partenza ai piedi della salita.

Pensavamo infatti che la salita sin dalla partenza rallentasse di molto la corsa, invece permette di fare un primo chilometro più equilibrato, senza partenze eccessivamente a bomba che poi si pagavano inevitabilmente il secondo giro. Inoltre nel rettilineo finale il pensiero che sia finita senza uno strappo all’arrivo, permette di mantenere il ritmo costante.

E così sabato abbiamo registrato ben 14 miglioramenti su 57 parkrunner presenti.

Alcuni di questi estremamente rilevanti, non solo nei tempi, ma anche perché registrati da veterani con (quasi) cento corse al Pineto.

E’ il caso ad esempio dei primi 4: Luigi De Luca e Lorenzo Freschi entrambi sotto i 18 minuti, seguiti da Gabriele Fiorani e il giovane Harry Tongue entrambi abbondantemente sotto i 20’.

.............................................

Just like the moment when Goku in Dragonball took off his weighted clothing and literally began to fly, our regulars who endured the sweltering summer heat, sailed around the paths of Pineto as soon as the temperatures started to drop.

It was literally raining PBs, aided not only by the cooler weather, but the new route that was inaugurated a few weeks ago, featuring an uphill start.

We thought that a hill at the start might slow our runners down, but instead it seems to favour a more balanced first kilometre, without too many flying starts that would inevitably come back to haunt them on the second lap. Furthermore, in the final section the thought that the hard work is done without that 100m struggle at the very end makes it easier to maintain a steady pace.

This may explain why we saw 14 of the 57 runners present better their times.Some of these runs were extremely telling, not only due to the times, but also because they were registered by Pineto veterans with (almost) a hundred runs under their belts.

This was the case with the first four finishes: Luigi De Luca and Lorenzo Freschi both under 18 minutes, followed by Gabriele Fiorani and young Harry Tongue both well under 20 minutes.

51568855600_2cd932aca0_k

51567126847_c071636245_k

Notevole anche il risultato del piccolo di casa Riccardo Vassallo che alla sua 74esima corsa al Pineto scende per la prima volta sotto i 30’: ci era riuscito già in autonomia nel periodo di chiusura della parkrun, ma sabato ha migliorato anche quel tempo

...................

The young man of the house, Riccardo Vassallo, also posted a remarkable time: in his 74th outing at Pineto he dipped under 30 minutes for the first time. A feat that he had already managed on this course while we were closed, however, on Saturday he improved on that unofficial time.

245039552_1985976138250469_4277981457256882188_n

Ma un bravo a tutti i 14 che vogliamo citare uno a uno in ordine di arrivo, dopo i “magnifici 4”: Alessio LUNADEI, Pietro Francia, Davide De Vito, Daniele Cortese, Thi Kim Thu ZERVOS, Sarino Prizzi, Paolo Palmaccio, la ultramaratoneta Edith Shaw e Cristina Tecca.

....................

A round of applause to all 14 who set new PBs, besides the “Magnificent Four” and Riccardo and in order of arrival:  Alessio LUNADEI, Pietro Francia, Davide De Vito, Daniele Cortese, Thi Kim Thu Zervos, Sarino Prizzi, Paolo Palmaccio, our ultramarathon runner Edith Shaw and Cristina Tecca.

51567937511_809cf7206b_k

In tutto questo abbiamo avuto solo una turista vera (non contando 2 nuovi nel gruppo costante degli adottati di Caffarella: Edwige Nania e Dario Ciarlone) Rebecca White da Manchester, una collezionista di eventi diversi e decisamente la veterana del giorno con 164 parkrun alle spalle. Kieran, Il compagno di Rebecca si è offerto come marshal volontario visto che è infortunato, così come David Tongue, che ha deciso di riposare a causa di un piccolo fastidio in vista della Roma Ostia mezza maratona di domenica prossima (gara che faranno in tanti in particolare del gruppo di St Georges, alcuni per la prima volta). Kieran e David ci hanno mostrato che anche da infortunato si può partecipare a parkrun.

Abbiamo riaccolto Andrea Franciosi (che ha cominciato da noi ma vive vicino a Caffarella e attende con ansia la ri-partenza dei "cugini") che ha corso con Rodrigo Franco: per quest'ultimo speriamo sia la volta buona di riaverlo sempre come runner e non solo come volontario dopo una sfortunata caduta quest’estate che lo ha tenuto fermo per un po’.

......................

Amongst all this excitement, we only had one genuine tourist (not counting the 2 new entries into the constant group of adoptees from Caffarella: Edwige Nania and Dario Ciarlone) Rebecca White from Manchester, a collector of different events and without rival our veteran of the day with her 164 parkruns. Her partner Kieran, offered his services as marshal owing to injury, as did our David Tongue, who decided to rest a slight niggle thinking ahead to the Roma Ostia Half Marathon, which is looming next Sunday (many of us will be taking part, in particular a large group from St Georges, for some it being their first Half). Kieran e David demonstrated that even an injury woe does not necessarily preclude coming along to help at parkrun.

On Saturday, we welcomed back Andrea Franciosi (who started parkrunning with us but lives close to the event at Caffarella and is patiently waiting for our “cousins” to restart) who ran alongside Rodrigo Franco. Let’s hope that this time around we can keep Rodrigo as a runner and not always an eternal volunteer, after an unlucky tumble this summer that has seen him side-lined for a long while.

51568621079_2666c7abc8_k

Bentornate anche Nadia Lieo e Martina Bolognesi (figlia di Stefano) che insieme a Harry e Riccardo hanno fatto parte di un folto gruppo di ragazzi giovani. Si sono unite a noi tutta la famiglia Pietro Francia (figli Edoardo e Matteo e mamma Chiara Alippi) e I celeri Giovanni e Paolo Campochiaro (del nostro Camillo) che hanno corso insieme.

..................................

Welcome back also to Nadia Lieo and Martina Bolognesi (Stefano’s daughter) who together with Harry and Riccardo, formed part of a sizeable group of youngsters. We were joined by the entire family of Pietro Francia (sons Edoardo and Matteo and Mum, Chiara Alippi) and the speedy Giovanni and Paolo Campochiaro (accompanying our Camillo) who ran their 5km together.

244742357_1985978481583568_7293899368809682663_n

Non erano le uniche facce nuove, anche se uno lo abbiamo riconosciuto subito: Luigi Cipollini finalmente dopo tantissimi (non)parkrun ha completato il primo parkrun vero. Benvenuti anche ai first timers Fabio Foti (ottimo primo tentativo), Stefano Narsete e Fabio Ticconi (che qui vediamo in versione up&down… speriamo però abbiano corso in maniera “normale”).

..........................

These were not the only new faces, even though one we recognised straight away: Luigi Cipollini finally came to complete his first real parkrun after notching up many (not)parkruns. A big shout out also to the first timers: Fabio Foti (great first run), Stefano Narsete and Fabio Ticconi (who we can see here in upside down mode… let’s hope they ran in the “normal” manner for their sake).

244760443_1985981618249921_2710051411387033958_n

Domani è parkrundì (una volta conosciuto come sabato) e vi aspettiamo felici e spensierati come mostrano queste belle foto (grazie ai fotografi Giancarlo Bartolini e Alberto Scalabrella) di Donatella Torre e di Regina Vara!

..........................

Tomorrow is parkrunday, previously known as Saturday and we and we hope to see you happy and carefree as Donatella and Regina! (as captured in the photos by Gianfranco Bartolini and Alberto Scalabrella).

245260573_1985973618250721_8470706994618131011_n

51568636829_33e8717062_k

 

Roma Pineto parkrun #112: sabato 2 ottobre. Tanti auguri parkrun! Happy Birthday parkrun!

Questa settimana parkrun è caduto nel 17° anniversario dall'inizio di parkrun al Bushy Park a Londra. In questa occasione PSH ha deciso di dedicare l’edizione ai volontari che permettono lo svolgersi degli eventi, per cui abbiamo ricevuto un bel applauso dei 51 parkrunner radunati in attesa della partenza. Ispirato da questa dimostrazione di affetto, l’ED Salvatore ha deciso spontaneamente di fare il Tailwalker.

...................................

Last week's parkrun happened to fall on the 17th anniversary of parkrun at Bushy Park in London, where it all began. For the occasion, PSH decided to dedicate the day to all the volunteers who make the events possible and as a result, we received a wonderful round of applause from the 51 parkrunners who had gathered for the start. Perhaps inspired by this demonstration of affection, ED Salvatore Vassallo spontaneously decided to be the Tailwalker!

244171794_1980735138774569_2660939759905070077_n E a proposito di volontari che reggono la Roma Pineto parkrun: il nostro “centenario” di due settimane fa e volontario fedele, Fabio Antonelli, ha anche raggiunto 100 parkrun fatti solo al Pineto. Ma nonostante sia lui che Luigi galoppano oltre le 100 parkrun, il veterano del giorno come spesso è rimasto l’Australiano adottato da noi Bob Harlow.

.....................

On the subject of the faithful volunteers who support Roma Pineto parkrun: our “centenarian” from two weeks back, Fabio Antonelli, reached the total of 100 parkruns at Pineto itself (a “ton”). However, even though he and Luigi are galloping past 100 runs, the veteran of the day, as is often the case, was our adopted Australian, Bob Harlow. 

51542427290_a3c9584ea2_kAbbiamo ospitato, oltre 2 visitatori di Caffarella, ben 11 turisti stranieri: Yuan Ren da Londra (per pura coincidenza proveniente dal homerun originale di Jenny). L’Irlandese Alan Lawlor (con noi per la terza volta, un turista esperto che ha già fatto 6 eventi diversi in Italia). Un bel gruppo allegro di 3 runner e una tifosa dalla Polonia e per concludere la famiglia O’Neill dalla Scozia che hanno deciso di fare il primo parkrun in assoluto da noi (e i ragazzi promettono molto bene, avendo battuto il padre in volata).

.....................

Our visiting guests, besides two runners over from Caffarella, included no fewer than 11 foreign tourists: Yuan Ren from London (by pure coincidence from Mile End, Jenny’s original homerun). The Irishman, Alan Lawlor (back with us for the third time, an avid tourist who has already visited 6 different parkrun events in Italy). A wonderful group of 3 runners plus cheering support from Poland and in conclusion, the O’Neill family from Scotland, who decided to undertake their first ever parkrun with us (the boys looked particularly promising as they beat their dad on the final sprint.

51541535466_5b61354987_k Le condizioni meteo erano quasi perfette e il nostro Luigi ha fatto un bel tentativo di PB finendo pochi secondi sopra per colpa di un cane un po’ felice di vederlo. Tuttavia l’ED non è ancora contento del nuovo percorso per cui attendetevi nuove verifiche e piccole modifiche.

........................

The weather conditions were almost perfect for running and our Luigi made a solid attempt at his PB, finishing a few seconds over due to a dog that was rather over-pleased to see him! Nevertheless, ED Salvatore is still not entirely happy with the changes to the course so we can expect a few little tweaks and modifications.  

244150235_1980735732107843_2544474707918189240_n Il ritmo infernale imposto da Luigi ha lasciato gli altri ampiamente un minuto dietro, ma li ha trascinati a ottimi tempi, come la New Entry Giovanni Bandini al secondo posto e il giovane Harry Tongue terzo con un nuovo personale spettacolare, sotto i 20 minuti per la prima volta. A sua insaputa, Harry ha anche raggiunto il nuovo club dei 25 parkrun che adesso è contraddistinto da un badge sul profilo e nelle classifiche (insieme ai nuovi club volontari per chi ha aiutato 50, 100 e oltre volte). Per sapere tutto sui nuovi badge e le nuove magliette potete leggere quest’articolo sul blog italiano di parkrun https://blog.parkrun.com/it/2021/10/06/nuove-t-shirt-traguardo/

.............................

The blistering pace set by Luigi left all the others easily a minute behind, but it did encourage them to reach some excellent times, such as that of first timer Giovanni Bandini in second place and young Harry Tongue, third with an amazing new personal record, under 20 minutes for the first time. Unbeknownst to him, Harry had also joined the 25 club, which is now distinguished by a badge on your profile and in the results table (together with new clubs for those who volunteer club, representing 50, 100 different occasions and beyond). There is more information regarding the new badges and commemorative shirts (in Italian) in the following blog article  https://blog.parkrun.com/it/2021/10/06/nuove-t-shirt-traguardo/

51540721137_bcb98bd26b_k Harry non è stato nemmeno l’unico a raggiungere un nuovo PB: in ordine di arrivo abbiamo applaudito Alan Lawlor, Laura Milanese (la nostra prima donna), Alessio Lunadei, Pietro Francia, Daniele Cortese, Helen Rollins (un’inglese che abita a Roma, tornata da noi per la prima volta quest’anno), Peter Oldfield, Regina Vara (prima volta sotto 30 minuti finalmente) e il fantastico Ugo Capezzuto. Bravissimi tutti!

..............................

Harry was not the only runner to set a new PB: in order of arrival we applauded the efforts of Alan Lawlor, Laura Milanese (our first woman this week), Alessio Lunadei, Pietro Francia, Daniele Cortese, Helen Rollins (English but living in Rome, who has returned to us for the first time this year), Peter Oldfield, Regina Vara (finally under 30 minutes for the first time)  and the fantastic Ugo Capezzuto. Great work everybody!

244282252_1980749685439781_5456656844482747705_n Giovanni Bandini non era l’unico First Timer, abbiamo accolto anche Sarino Prizzi, e Vittoria Paternò Raddusa. Anche Evelyn Pastormerlo ha completato la sua prima corsa da noi, nonostante iscritta da Caffarella.

......................

Giovanni Bandini was not the only First Timer either, we also welcomed Sarino Prizzi, and Vittoria Paternò Raddusa. Evelyn Pastormerlo also took on her first parkrun, although she technically belongs to  our cousins at Caffarella. 

51540743297_8ebb2e50e8_k Benvenuti e non mancate di ritornare anche questo sabato. L’appuntamento è come sempre al Pineto pronti per partire alle 9 dal fondo della salita!

........................

Welcome to all the newcomers and we hope to see you back with us this coming Saturday. We will meet up as (is now) usual at the foot of the hill, ready to start at 9am.

 

Roma Pineto parkrun #111: sabato 25 settembre. Novità e certezze. Novelties and guarantees.

E dopo due festeggiamenti di seguito per il raggiungimento delle 100 parkrun (per Fabio e Luigi) sabato scorso abbiamo celebrato le 50 parkrun di un altro nostro habitué: Simone Picchi! Che peraltro era ignaro di aver raggiunto il traguardo finché non è stato agghindato per l’occasione.

..........................

After two back to back celebrations for the 100th parkruns of Fabio and Luigi, last Saturday we welcomed another of our regulars to the 50 Club: Simone Picchi! What is more, he was completely unaware of the fact until he had been decorated for the occasion.

504689dd-f33a-44a1-a3c7-012acdecb5f9

A festeggiare con lui 50 (numero non casuale) parkrunner, compresi 3 amici dalla caffarella (tra cui Max Pierantozzi che ha iniziato con noi al Pineto), 2 turisti inglesi (Mike J Nolan che ha conteso il ruolo di veterano del giorno con il nostro Bob e corre di solito a Crewe in Cheshire e Teresa Bolognesi…nessun parentela con il “nostro” Bolognesi… Italiana che vive a Birmingham e corre a Edgbaston parkrun), 1 del Galles, Peter Oldfield, che ha corso il suo primo event all'estero da noi dove rimarrà per 3 anni e finalmente 2 turisti polacchi giunti in ritardo, ma capaci di concludere in tempo i 2 giri del Pineto.

........................

To celebrate with him, we had 50 (by pure chance) parkrunners, including 3 of our friends from Caffarella (among them Max Pierantozzi, who started out with us at Pineto); 2 English tourists (Mike J Nolan, nearly the veteran of the day were it not for our Bob Harlow, who usually runs at Crewe parkrun in Cheshire  and Teresa Bolognesi…no relation to “our” resident Bolognesi… an Italian who lives in Birmingham and is usually to be found at Edgbaston parkrun); 1 from Wales, Peter Oldfield, who was running his first event away from home but will remain in Rome for work and finally 2 Polish runners, who arrived late to the start, but were able to catch up the others and finish both of the required laps of Pineto.

51513291317_612235ba10_k

A proposito dei due giri del Pineto: dopo averlo minacciato per tanto tempo, per la prima volta si è modificato il percorso con partenza subito in salita, per evitare di partire dal pianoro occupato d’ora in avanti dal mercato agricolo di Coldiretti.

.....................

On the subject of the two laps of Pineto: having made such “threats” for a while, this week we modified our course for the first time. We now have an uphill start, in order to avoid running straight into the area occupied, from now on, by the Coldiretti farmer’s market.

242967840_1975286932652723_6937626440292299785_n

Il nuovo percorso sembra essere piaciuto ai più, con la salita che viene affrontata subito e a metà e non sul finale e in molti hanno registrato ottimi tempi, anche se l’ED non è stato convinto che sia tutta farina del sacco dei parkrunner e ha rimisurato il percorso con rotella metrica al termine… Per cui aspettatevi piccole modifiche

Tra i tempi di rilievo (anche se non ancora record) c’è stato quello di Luigi De Luca (come al solito a guidare il gruppo), del secondo Alberto Tenderini tornato dopo tempo (è stato il primo arrivato al nostro secondo evento) e del terzo Alessandro Coianiz che ha sfiorato il PB nonostante la maratona 6 giorni prima.

..................

The amended route seemed to go down well in general, with “the hill” being tackled straight away and of course at the halfway point and not for the final 100m. Quite a few posted impressive times, even though ED Salvatore wasn’t entirely convinced that it was the result of their hard work and thus he set off to check the new course with the measuring wheel as soon as the event had finished. Therefore, we can expect a few tweaks next time.

Notable times (even though not YET a record) include that of Luigi De Luca (who as usual brought the group home) followed by Alberto Tenderini back with us after a long time (he was first finisher at our second ever event) and third finisher, Alessandro Coianiz, who was very close to his best despite having run the Rome Marathon 6 days earlier.

51514094731_3cd45d9d71_k

Ottimi tempi anche al femminile con Laura Antico che precede in volata Pina Sorrenti.

...........

The girls posted some excellent times too with Laura Antico arriving just ahead of Pina Sorrenti on the sprint finish.

51514102751_027e92d127_kE addirittura il nuovo percorso ha favorito numerosi PB: D De Vito, Marco Tambara, Thi Kim Thu Zervos, Srikanth Chowdadenahalli Sathyanarayana, il giovane Riccardo Vassallo (che però durante la chiusura per il Covid aveva fatto di meglio come freedom parkrun) e Ugo Cappezzuto (bentornato!) che in settimana ha festeggiato 73 anni!

.................

The change to the course also encourage several PBs: D De Vito, Marco Tambara, Thi Kim Thu Zervos, Srikanth Chowdadenahalli Sathyanarayana, young Riccardo Vassallo (who during the closure for Covid posted an even better time as a freedom parkrun so is still aiming to beat that) and Ugo Cappezzuto (WELCOME BACK UGO!) who celebrated his 73rd birthday during the week!

242867230_1975295449318538_6577198239964569329_n

242990443_1975300742651342_1808977588686487415_n

Sabato poi abbiamo accolto diversi new entry: Federico Comito e Pietro Francia (del gruppo di Sergio Cocozza), Davide De Vito e 2 nuovi juniors Antonio Armentano (8 anni figlio di Diego) e Eleonora Zuffi (figlia di Andrea): un elemento che ci piacerebbe vedere di più! Bambini e ragazzi sempre benvenuti.

......................

On Saturday, we also welcome a few first timers: Federico Comito and Pietro Francia (who train with Sergio Cocozza), Davide De Vito and 2 new junior runners: Antonio Armentano (the 8 year old son of Diego) and Eleonora Zuffi (Andrea’s daughter), they represent an aspect of parkrun, which we are always happy to see more of! Children and younger runners are always welcome.

243006292_1975286949319388_2741571379042234589_nE infine ci sono stati diversi ritorni, oltre ai già citati, Christine Khalil Jakober, Giulia Del Bene, Valentina Perlangeli, Mauro Dellerba e l’ED #2 Jenny Stripe (come runner perché come volontaria è stata sempre presente).

...............

Finally, there were also numerous returnees, besides those already mentioned (Alberto and Ugo) Christine Khalil Jakober, Giulia del Bene, Valentina Perlangeli, Mauro Dellerba and ED #2 Jenny Stripe (as runner, considering that as a volunteer she's been ever-present).

243101199_1975300415984708_5672165345995776184_n

E a proposito di volontari, sabato si festeggeranno i 17 anni della nascita di parkrun e Paul Sinton-Hewitt ha dedicato la giornata a tutti i volontari che ogni sabato permettono a parkrun di esistere.

.................

Talking of volunteers, tomorrow parkrun celebrates 17 years since that fateful day in Bushy Park, and Paul Sinton-Hewitt has dedicated the day itself to all the volunteers who make the event possible every Saturday morning. Don't miss out!

Messaggi più vecchi del mese in corso ⇒
⇐ Messaggi più recenti del mese in corso